benefici della vitamina D

Louise Chang, MD

Alla Boston University, dopo che le persone con pressione alta sono stati esposti a raggi UVA e UVB per tre mesi, i loro livelli di vitamina D sono aumentati di oltre il 100% – e più impressionante, la loro pressione sanguigna alta normalizzati. “Li abbiamo seguiti ora per nove mesi, e la loro ipertensione continua ad essere in remissione”, dice Holick, professore di medicina, fisiologia e biofisica presso la Boston University. Una teoria su come la vitamina D riduce la pressione sanguigna: Diminuisce la produzione di un ormone chiamato renina, che si ritiene di svolgere un ruolo di ipertensione; In uno studio pubblicato sul Journal of Medical Association nel dicembre 2003, di più di 3.000 veterani (età da 50 a 75) a 13 Veterans Affairs centri medici, coloro che hanno consumato più di 645 UI di vitamina D al giorno con più di 4 grammi al giorno di fibre di cereali hanno avuto una riduzione del 40% nella loro rischio di sviluppare polipi del colon precancerosa; In un rapporto nel Journal of Society Geriatria nel febbraio 2004, i ricercatori presso l’Università di Basilea in Svizzera hanno mostrato che le donne anziane che hanno preso un supplemento di vitamina D più calcio per tre mesi hanno ridotto il loro rischio di caduta del 49% rispetto al consumo di calcio da solo . Quelle donne che erano caduti più volte in passato sembravano ottenere il massimo beneficio dalla vitamina D; Uno studio nel 13 gennaio, 2004 numero di Neurology ha indicato che le donne che ottengono dosi di vitamina D che si trovano tipicamente negli integratori multivitaminici ogni giorno – di almeno 400 unità internazionali – sono il 40% in meno di probabilità di sviluppare la sclerosi multipla rispetto ai quelli che non assumono integratori over-the-counter.

Vitamine come la C e la E continuano ad essere i beniamini di molti amanti del supplemento. Ma quelle superstar vitaminici sono costretti a condividere la loro trono con il lungo trascurato vitamina D, che sta finalmente ricevendo l’attenzione che si può aver sempre meritato.

Senza dubbio, siete probabilmente familiarità con il ruolo della vitamina D nel promuovere la salute delle ossa, in gran parte, promuovendo l’assorbimento del calcio. “Se si dispone di una carenza di vitamina D, soprattutto nei tuoi anni più anziani, può portare a osteoporosi o osteomalacia [rammollimento osseo]”, dice Lona Sandon, RD, assistente professore di nutrizione clinica presso l’Università del Texas Southwestern a Dallas.

Ma non è recente e la prova che collega i bassi livelli di vitamina a un aumentato rischio di diabete di tipo 1, dolori muscolari e delle ossa, e, forse più grave, i tumori del seno, del colon, della prostata, ovaie, dell’esofago, e sistema linfatico di montaggio .

Se si vuole abbassare la pressione sanguigna, la vitamina D può essere solo quello che il medico ha ordinato. Se si sta cercando di ridurre il rischio di diabete, o abbassare la probabilità di attacchi di cuore, l’artrite reumatoide o la sclerosi multipla, poi la vitamina D dovrebbe essere nella parte anteriore della linea in vostro regime supplemento giornaliero.

Come la ricerca in vitamina D sta accumulando, è difficile sapere da dove i riconoscimenti dovrebbero iniziare. “Attivato vitamina D è uno dei più potenti inibitori della crescita delle cellule tumorali”, spiega Michael F. Holick, PhD, MD, che dirige la vitamina D, la pelle, e Bone Research Laboratory presso la Boston University School of Medicine. “Inoltre stimola il pancreas a produrre insulina. Esso regola il sistema immunitario.

Basta prendere in considerazione questi studi recenti

sano, deliziose ricette, da e riviste mangiar bene.

Pollo, cioccolato, insalate, dolci, zuppa